Ultima modifica: 22 Novembre 2015

Chi siamo

Le scuole sono dislocate su un territorio che sta attraversando un processo di profonda ristrutturazione: quartieri residenziali recenti si affiancano ad altri di edilizia popolare, a fabbriche, a capannoni, ad aree dismesse.
Nei primi decenni del secolo, lungo l’asse della Via Emilia, sono sorte senza nessuna pianificazione, un gran numero di industrie, soprattutto meccaniche, inframmezzate da quartieri operai. Si sono sviluppati due insediamenti abitativi: uno intorno alla fabbrica Redaelli a Rogoredo e l’altro, nel 1937, vicino a piazzale Ferrara, il quartiere di case popolari ‘Regina Elena’.
Nel dopoguerra, fino agli anni ’70, l’espansione edilizia è continuata, ma, con l’incremento del terziario, la tipologia delle nuove abitazioni è cambiata, perché occorreva rispondere alle esigenze di un diverso tipo di lavoratori : sono nati così nuovi complessi residenziali di tipo medio-alto.
In quegli anni le scuole della zona erano tutte sovraffollate tanto che nel 1974 è stata aperta la nuova scuola media di Via Sulmona (trasferitasi poi in Via Mincio).
Nel settembre 2000, in seguito al piano provinciale di razionalizzazione, vi è stata la fusione di due scuole medie e tre scuole elementari della zona 4. Si è così costituita la nuova Scuola Media Martinengo-Alvaro e il Circolo Didattico Martinengo. Dall’anno scolastico 2008/2009 è stato costituito l’Istituto Comprensivo Renzo Pezzani formato da una scuola media (Via Martinengo) e due elementari (Via Martinengo e Viale Puglie). Da settembre 2013 la scuola primaria di viale Puglie è stata trasferita, temporaneamente per consentire i lavori di ristrutturazione, in via Oglio 20 dove rimarrà anche nel prossimo anno scolastico.